Le Scienze: “Più affidabili del vero le immagini costruite dal cervello”

Category: Attualità, Biologia / Neurologia, Fisica,

Il nostro cervello riempie continuamente gli spazi “vuoti” del campo visivo – dovuti al fatto che la retina ha un punto cieco – usando le informazioni che trova nel contesto: un nuovo studio sperimentale ha mostrato che le persone preferiscono  l’immagine così ricostruita a una senza punto cieco e quindi composta da input reali (red)

Per vedere correttamente il mondo esterno, il nostro cervello è costretto continuamente a riempire un vuoto percettivo, dovuto a un limite fisiologico: sulla retina, la presenza del nervo ottico non lascia spazio ai recettori sensibili alla luce. Nel nostro campo visivo c’è quindi un “punto cieco”, che dev’essere colmato con le informazioni che riusciamo a ottenere dal contesto.

Come si legge su “eLife”, Peter König, dell’Università di Osnabrueck, in Germania, e colleghi di altri istituti di ricerca tedeschi hanno dimostrato che le persone considerano più affidabile l’immagine ottenuta riempiendo il punto cieco di quella ottenuta da input reali, senza l’interferenza del punto cieco.

“Nelle situazioni in cui nel campo visivo c’è un punto cieco, il cervello riempie il vuoto lasciato dall’informazione mancante con altre informazioni che trova nel contesto visivo, con il risultato che non rileviamo praticamente alcuna differenza rispetto a una situazione normale”, ha spiegato Peter König, dell’Università di Osnabrueck, in Germania. “Questo ‘riempimento’ percettivo normalmente è  abbastanza accurato; il problema è che è in gran parte inaffidabile, poiché nessuna informazione reale proveniente dal mondo esterno raggiunge il cervello: nel nostro studio volevamo capire se queste informazioni fossero elaborate in modo diverso rispetto a quelle reali”.

Più affidabili del vero le immagini costruite dal cervello
Una volontaria durante i test percettivi (Credit: Ricardo Gameiro)

Nel corso dei test, König e colleghi hanno chiesto ad alcuni volontari di osservare su uno schermo due immagini mentre indossavano i comuni occhiali che si utilizzano per vedere i film in 3D. L’apparato sperimentale mostrava le immagini sotto diversi angoli, in modo da far vedere ai soggetti coppie di immagini in cui una era parzialmente

Anche se le due immagini erano percepite come identiche e senza soluzioni di continuità, in virtù della capacità del cervello di riempire il punto cieco, ai volontari è stato chiesto quale delle due preferissero. E così sono arrivate le sorprese.

“Pensavamo che i volontari avrebbero considerato le due immagini equivalenti, o al massimo che avrebbero preferito l’immagine derivata dallo stimolo reale, mentre in realtà è avvenuto il contrario: statisticamente, hanno preferito quella in cui l’immagine era frutto della compensazione operata dalla mente alla mancanza di stimoli dal punto cieco”, ha spiegato Benedikt Ehinger, primo autore dello studio.

Fonte: http://www.lescienze.it/news/2017/05/18/news/immagini_reali_inferenze_punto_cieco-3532685/